Guida alla scelta della smerigliatrice angolare

La smerigliatrice angolare o flessibile, è un utensile manuale portatile. E' uno strumento indispensabile per eseguire lavorazioni di carpenteria, taglio su ferro e smerigliatura o per la rimozione della ruggine da ringhiere e strutture in ferro. La smerigliatrice viene spesso utilizzata nell'edilizia per il taglio della pietra, dei mattoni o del cemento. 
Le smerigliatrici si suddividono in due categorie: quelle destinate ad un uso intenso e professionale e quelle destinate ad un utilizzo meno gravoso, per eseguire lavori di piccola entità. Le prestazioni dell'elettroutensile, come la potenza del motore, il numero di giri del disco, le dimensioni e il peso ne determinano la tipologia professionale o hobbistica.
In linea di massima, partiamo con un elettroutensile dalle dimensioni compatte, facilmente utilizzabile e maneggevole. Solitamente il peso si attesta intorno ad 1,6 kg, per una potenza complessiva di 600W a 12000 giri/min, che assicura già un'ampia fascia di utilizzo per lavori di taglio e smerigliatura con un disco di 115 mm.

Una scelta valida può essere la levigatrice Skil  9005 AA che si trova in commercio intorno ad una quarantina di euro. La Skil offre un ampio spettro dei suoi prodotti. Si può anche optare per la più potente della gamma, il modello 9782 AA con 2400W ed un disco di 230mm. Adatta a lavori di taglio gravosi ed ad un uso intenso. Quest'ultimo elettroutensile si trova in commercio intorno ad una novantina di euro.
Passiamo ad altri marchi tipo Bosch che propone sia la linea professionale indirizzata agli artigiani e all'industria, o ad una linea hobby. Offre come sempre una vasta gamma di prodotti ed accessori dedicati. Top di gamma GWS 24-230 LVI Professional, 2400W, disco da 230mm, peso contenuto, 5,6 kg. Questo elettroutensile ha un prezzo indicativo intorno alle duecentosettanta euro. Interessante l'accessorio di sistema GDE 230 FC-S proposto da Bosch per il taglio della pietra minimizzando la polvere durante il taglio. Mentre, per la linea hobby possiamo orientarci ad un prodotto medio, la smerigliatrice PWS 1000-125 CE, che con una potenza di 1100W ed un disco di 125mm. Uso intuitivo e confortevole, peso contenuto, 1,2 kg, maneggevole e dedito ad assolvere gran parte dei compiti, anche i più gravosi, con un rapporto qualità/prezzo ragionevole, rapportato alle caratteristiche dell'eletroutensile. Questa smerigliatrice angolare proposta da Bosch si trova in commercio ad un prezzo intorno a centosessanta euro.
Smerigliatrice Bosch GWS 24-230 LVI Professional


Passiamo ad un altro marchio. A pari potenza della Bosch troviamo l'Hitachi G23UDY  -HTM93122436, ottimo compromesso di robustezza strutturale e meccanica. Design ''cibernetico''.  Un ottimo prodotto come sempre da Hitachi adatto per lavori di carpenteria ed edilizia, taglio di cemento sintetico, pietre, mattoni e simili. Ottima per lavori di rifinitura, sbavatura e molatura. Il prezzo di questa potente e versatile smerigliatrice si attesta intorno alle duecentosettanta euro. 
Dopo aver spaziato tra alcuni modelli di produttori diversi passiamo alla scelta del disco. A seconda del taglio vi sono varie tipologie di disco. Avremo i dischi diamantati per eseguire la maggior parte dei tagli, anche su piastrelle e calcestruzzo. Quelli telati usati per abradere leggermente i materiali, quelli a spazzole dedicati alla lucidatura ed infine le mole da taglio per materiali ferrosi, acciaio inox o pietra. Da non sottovalutare mai la sicurezza. I dischi solitamente riportano una data di scadenza impressa dal fabbricante, dovrebbe esssere rispettata in quanto trattasi della resistenza meccanica del materiale che potrebbe frantumarsi durante le operazioni di taglio e ledere gravemente l'utilizzatore. Oltre a questo, raccomando sempre l'uso di appositi occhiali protettivi e guanti da lavoro.

Nessun commento:

Posta un commento